CORONAVIRUS: Nuove regole introdotte dal Consiglio Federale, in aggiornamento

0
4915
CORONAVIRUS: Nuove regole introdotte dal Consiglio Federale, in aggiornamento
CORONAVIRUS: Nuove regole introdotte dal Consiglio Federale, in aggiornamento
- Annuncio Promozionale -

Nuove restrizioni di oggi

Nuove regole istituite stanotte da mezzanotte dallo Stato Maggiore di Condotta:

  • Chiusi altri 5 valichi minori tra il Ticino e l’Italia : Arogno, Brusino, Pizzamiglio, Camedo e Fornasette.

Nella conferenza di oggi, in corso, anticipiamo alcune affermazioni in risposta ai giornalisti:

- Annuncio Promozionale -
  • la situazione si sviluppa troppo velocemente e non riusciamo ad aggiornare i dati dei nuovi contagiati
  • siamo in una situazione di emergenza. In Svizzera ci sono 800 posti letto di terapia intensiva. Possiamo aumentarli di 400 posti per avere fino 1’200 posti letto di terapia intensiva. Non sappiamo quanti ad oggi siano occupati, non ci sono numeri centralizzati, lo sanno gli ospedali. Ad oggi ci sono ancora ovunque posti liberi, ma se la situazione continua in questo modo saremo sicuramente sotto pressione.
  • nell’esercito ci sono 90 militari in quarantena, 50 che sono isolati e 5 positivi al virus.
  • le mascherine protettive non sono sufficienti in Svizzera e la gente non sa come metterle, come invece sa fare il personale sanitario. Per questo non consigliamo di metterle.
  • in Ticino dal 17 febbraio al 17 marzo il traffico transfrontaliero è calato del 73%. A livello svizzero del 37%.
  • primo decesso nel Canton Grigioni: si tratta di una 78enne della Valposchiavo che soffriva di patologie preesistenti.
  • nelle ultime 24 ore in Svizzera sono stati fatti 2’250 tamponi, in particolare le persone testate sono soprattutto i gruppi a rischio e il personale sanitario.
  • la disoccupazione ha a disposizione 8 miliardi di franchi. Se verrà superato questo livello, bisognerà adattare la legge per poter alzare il limite.
  • nelle prime 10 ore di controllo ai confini sono state fermate 2’200 persone che non rispettavano le condizioni di entrata.
  • è stato ricordato a tutti di rientrare in Svizzera il prima possibile (e qui, aggiungiamo noi, la nostra impressione è che presto chiuderanno i confini).

Restrizioni di ieri

Nella conferenza stampa in corso il Consiglio Federale ordina nuove e più stringenti regole per cercare di contenere l’epidemia da coronavirus:

Dichiarata ieri la situazione straordinaria (Art.7 legge federale sulle epidemie) per tutta la Svizzera fino al 19 aprile per rallentare l’epidemia da coronavirus di ieri con i seguenti provvedimenti:

  • tutto chiuso escluso alimentari, farmacie, parafarmacie, banche, alberghi, e distributori di benzina.
  • qualsiasi manifestazione pubblica vietata , esclusi funerali in forma strettamente privata
  • I datori di lavoro devono garantire il lavoro da casa a chi ha malattie gravi. Se non è possibile devono poter restare in congedo pagato
  • controlli alle frontiere estese a Germania, Francia e Austria oltre all’Italia
  • ingresso valido per cittadini, persone con permesso di lavoro o persone in transito. Appello ai cittadini Svizzeri di rientrare nel Paese in ogni modo possibile
  • esercito, fino a 8000 militi a sostegno del personale in ambito ospedaliero, trasporto viveri e sicurezza a sostegno di Polizia e Guardie di Confine.

E’ comunque garantito l’approvvigionamento di farmaci e beni alimentari, non è necessaria la corsa ai supermercati.

Intanto il bilancio mondiale dei casi positivi al coronavirus è ormai arrivato a quota 189.460 casi conclamati mentre in Svizzera siamo a quota 2.672 e in Ticino a 422 confermati, diverse persone in terapia intensiva, 10 decessi. I decessi in Svizzera sono saliti a 20. Un caloroso ringraziamento agli oltre 3000 concittadini che in pochi giorni hanno firmato la nostra petizione per la chiusura dei confini (tranne che al personale sociosanitario, ovviamente) per fronteggiare al meglio l’emergenza, grazie di cuore per il Vostro sostegno. Firmate la nostra petizione per la chiusura dei confini, più avremo firme più saremo ascoltati, dobbiamo fare qualcosa in fretta!!! State a casa!!!

Situazione in tempo reale dell’epidemia

Laura Valdene – Redazione TIResidenti

Fonte foto : Google

#TIResidenti #ticinesi #gruppotiresidenti #coronavirus #conigliofederale #ticinoresidenti #lauravaldene #ospedali #darunavir #nuoveregole

Foto: fonte Google

Sei residente in Canton Ticino? Metti “mi piace” alla nostra pagina Facebook TIResidenti e iscriviti gratuitamente nel gruppo TIResidenti ; siamo la tua voce, questa è casa tua.

- Annuncio Promozionale -