DISFUNZIONE ERETTILE: 5 volte più frequente in chi ha contratto il Covid.

0
833
DISFUNZIONE ERETTILE: 5 volte più frequente in chi ha contratto il Covid.
DISFUNZIONE ERETTILE: 5 volte più frequente in chi ha contratto il Covid.
- Annuncio Promozionale -

Tor Vergata

L’Università di Roma Tor Vergata ha condotto uno studio tra il legame contagio da Coronavirus e disfunzione erettile dimostrando come questa condizione sia cinque volte più probabile negli uomini che hanno avuto il Sars-CoV-2, rilevando inoltre una corrispondenza tra la disfunzione e gli stati più gravi della malattia.

L’autore dello studio pubblicato a marzo, Il Dott. Emmanuele A. Jannini, professore di Endocrinologia e Sessuologia Medica all’Università di Roma Tor Vergata, evidenzia infatti come la disfunzione erettile sia “una malattia principalmente endoteliale e l’endotelio, il tessuto che riveste l’interno dei vasi sanguigni, non è altro che il principale attore dell’erezione.”

- Annuncio Promozionale -

Stesse conclusioni a cui è giunto un team di ricerca guidato da scienziati della Scuola di Medicina “Miller” dell’Università di Miami che, analizzando le biopsie prelevate dal pene di alcuni pazienti, ha determinato che il coronavirus SARS-CoV-2 può infettare l’organo riproduttivo maschile, permanere per mesi dopo la guarigione e innescare la disfunzione erettile.

Sostenete le aziende residenti, acquistate nel nostro NEGOZIO SOLIDALE per soli residenti in Ticino. Leggete le recensioni dei nostri clienti!

OFFERTE IN CORSO Shop TIResidenti

… e tanti altri articoli disponibili nello SHOP

Stefano Introzzi– Redazione TIResidenti

Fonte foto : Google

#TIResidenti #disfunzioneerettile #gruppotiresidenti #romatorvergata #ticinoresidenti #stefanointrozzi  #coronavirus 

Sei residente in Canton Ticino? Metti “mi piace” alla nostra pagina Facebook TIResidenti e iscriviti gratuitamente nel gruppo TIResidenti ; siamo la tua voce, questa è casa tua.

- Annuncio Promozionale -