FARMACISTA CANTONALE: nessuna certezza di acquisto in Farmacia?

0
796
FARMACISTA CANTONALE: nessuna certezza di acquisto in Farmacia?
FARMACISTA CANTONALE: nessuna certezza di acquisto in Farmacia?
- Annuncio Promozionale -

Intervista su Teleticino

Mentre oggi scatta l’obbligo della mascherina nella ristorazione per il personale, ha suscitato nella popolazione grande clamore l’intervista andata in onda il 18 luglio scorso su Teleticino del Farmacista cantonale Zanini riguardo alcune affermazioni a dir poco fuorvianti. Grande discussione anche nel nostro gruppo TIResidenti dove la preoccupazione si alterna al sentimento di sfiducia verso chi dovrebbe garantire al consumatore un acquisto sicuro, in particolare in Farmacia, essendone il rappresentante cantonale.

Il farmacista cantonale che alla domanda: “Ma se vado in farmacia sono in una botte di ferro? “, risponde: “No, perché dipende da quanto seriamente la farmacia ha fatto il suo lavoro”, sta dicendo che non tutte le farmacie lavorano con coscienza! Affermazione gravissima da parte del farmacista cantonale, pagato dalla popolazione che non si sente più tutelata!!“. Questo, ad esempio, uno dei commenti pubblici apparso sotto l’articolo di Ticinonews che ha ripreso l’intervista da TeleTicino.

- Annuncio Promozionale -

Affermazioni fuorvianti

Il farmacista cantonale, nella sua intervista, oltre a dichiarare quanto sopra rispetto alle Farmacie che dovrebbe rappresentare, si è spinto oltre dichiarando che “per essere veramente sicuri di cosa si acquista bisogna affidarsi alle mascherine rilasciate dalla Confederazione con un prezzo plafonato attorno ai 40 franchi al pacchetto. Ultimamente si trovano spesso nei supermercati, ed è meglio attenersi il più possibile alle mascherine chirurgiche.”

Ricordiamo a questo proposito che, proprio per parola dello stesso Zanini che leggete qui, la Confederazione ha appena ritirato milioni di mascherine scadute contaminate da un fungo che erano state distribuite attraverso i Cantoni agli Ospedali, alle Farmacie e a vari enti pubblici; quindi non ci sembra proprio che la Confederazione venda ai supermercati ( a parte i primi dieci milioni iniziali di aprile di provenienza dall’esercito) o possa garantire la qualità delle mascherine in vendita nella GDO (??!!…!!!)

Inoltre consiglia l’utilizzo delle mascherine chirurgiche perchè “sappiamo che protegge chi ho davanti e protegge anche me“, mai affermazione più sbagliata visto che la mascherina chirurgica è “un atto di generosità” considerato che protegge gli altri ma non chi la indossa, come adeguatamente spiegato anche dallo stesso UFSP e da ormai migliaia di esperti nel mondo. Le mascherine hanno infatti funzione e protezione diversa come ben spiegato anche in questo nostro articolo. Nel nostro Shop solidale trovate mascherine certificate al minor prezzo di mercato e sono le stesse che potete acquistare in farmacia (e non certo al supermercato!)

Visitate il nostro NEGOZIO SOLIDALE per soli residenti in Ticino

Stefano Introzzi – Redazione TIResidenti

Fonte foto : Google

#TIResidenti #ticinesi #gruppotiresidenti #coronavirus #mascherine #ticinoresidenti #stefanointrozzi #zanini #ristorazione 

Sei residente in Canton Ticino? Metti “mi piace” alla nostra pagina Facebook TIResidenti e iscriviti gratuitamente nel gruppo TIResidenti ; siamo la tua voce, questa è casa tua.

- Annuncio Promozionale -