FRONTALIERI DOVE ANDATE? 63’144 frontalieri sono tanti o sono pochi?

5
214
- Annuncio Promozionale -

Frontalieri in calo

L’ufficio federale di statistica ha riportato il rilevamento statistico trimestrale sul numero di frontalieri in Svizzera.

Dalle cifre assolute sembrerebbe che in Ticino stiano diminuendo rispetto al trimestre precedente. Soprattutto nel settore terziario.

- Annuncio Promozionale -

Inoltre mostra come il Ticino non sia poi meta ambita rispetto alle altre regioni Svizzere.

Tutto bene quindi?
Non dimentichiamo che in Ticino la stagione turistica è stata disastrosa.
Non dimentichiamo che in Ticino il numero di fallimenti è sempre uno dei più alti rispetto agli altri cantoni.
Non dimentichiamo che in Ticino la creazione di nuovi posti di lavoro retrocede e non aumenterà di certo.

Ma 63’144 frontalieri sono tanti o sono pochi?

Complessivamente in Svizzera vengono a lavorare attualmente 312’325 lavoratori, di cui 200’451 uomini e 111’874 donne.
Da dove arrivano tutte le mattine?

169’879 dalla Francia
71’388 dall’Italia
60’416 dalla Germania
8’311 dall’austria
2’331 non si sa da dove

A livello Svizzero, il numero dei frontalieri ha avuto una compressione dello 0.8% rispetto al 2017. Il rapporto rimane quindi del 7.15% rispetto a tutta la popolazione attiva nazionale residente.

A livello di grandi regioni il numero assoluto più alto è detenuto dalla Regione del Lemano
con 114’832 frontalieri rispetto alla popolazione attiva residente di 757’530, cioè un rapporto del 15.16%

Il Ticino STRAVINCE su TUTTI, con i suoi 63’144 frontalieri rispetto ad una popolazione residente attiva di 171’784 persone. Quindi un rapporto del 36.75%

TIcinoResidenTI non ha assolutamente alcun astio verso i frontalieri

Nessun astio verso i Frontalieri. Sono persone che vogliono lavorare e che hanno bisogno di lavorare. Si spostano dove il lavoro gli viene offerto o dove il loro datore di lavoro li ha trasferiti a lavorare.

Ciò non toglie che TIcinoResidenTI faccia appello verso le autorità istituzionali e verso associazioni padronali, come pure quei pochi imprenditori locali rimasti, richiamando la loro responsabilità verso il nostro territorio e i nostri residenti. Residenti tanto vogliosi e bisognosi di lavorare come i colleghi frontalieri.

 

Noi di TIcinoResidenTI non possiamo accettare queste affermazioni e attendiamo le vostre esperienze e i vostri punti di vista.

Pietro Righetti – Redazione TicinoResidenTI

P.S. Leggi i nuovi articoli anche sulla nostra pagina Facebook , partecipa alle discussioni e vota i nuovi sondaggi nel nostro gruppo Facebook ,  questa è casa tua.

- Pubblicità -