FRONTALIERI – L’economia ticinese crescerà. E in Italia pensano che…

0
79
FRONTALIERI -Ci dicono di fare un bagno di umiltà
FRONTALIERI -Ci dicono di fare un bagno di umiltà
- Annuncio Promozionale -

Frontalieri, c’è posto per tutti

State tranquilli, frontalieri: il Ticino si preannuncia in crescita e dunque saranno vacche grasse per tutti! O quanto meno, così fa intendere La Provincia di Como, in un articolo in cui si capisce ancora una volta quanti lavoratori italiani ci siano pronti alla frontiera a venire a lavorare da noi. 

- Annuncio Promozionale -

Crescita a vantaggio di chi?

Il pezzo parla di un 2020 in cui l’economia ticinese pare destinata a crescere e con essa anche i salari. A parte il fatto che ci chiediamo che cosa si intenda con crescita, perché di alcuni tipo di sviluppo ce ne facciamo pure a meno, quella dei salari suona strana. Magari fosse… L’articolo cita uno studio della Camera di Commercio di Neuchâtel. 

Verrebbe da dire che se davvero la nostra economia sarà in crescita, l’augurio è che qualche posto possa finalmente andare ai nostri, ai residenti che cercano disperatamente lavoro: invece per la Provincia di Como è scontato che essi, o almeno una parte, tocchino ai frontalieri. Sono in torto? Stando agli ultimi dati, forse no.

Crescita a vantaggio di chi?

Non ci si può non arrabbiare, ma non con chi viene qui convinto di aver trovato l’Eldorado bensì con chi permette tutto ciò. Siamo arrivati a essere derisi, a essere considerati solo come il Cantone che dà lavoro ai frontalieri, che non sa dare un posto decente ai propri disoccupati. E purtroppo in tanti casi è così.

Laura Valdene – Redazione TIResidenti

Fonte foto : Google

#TIResidenti #lauravaldene #frontalieri #crescita #postidilavoro #primainostri

Sei residente in Canton Ticino? Metti “mi piace” alla nostra pagina Facebook TIResidenti e iscriviti gratuitamente nel gruppo TIResidenti; siamo la tua voce, questa è casa tua.

- Annuncio Promozionale -
Articolo precedenteLARA COMI : arrestata ai domiciliari con l’accusa di tangenti.
Articolo successivoANNUNCI – “Cercasi frontalieri”. Un annuncio pagato coi soldi di tutti noi