FURTI CON SCASSO – Fermati tre rapinatori. E i valichi secondari?

0
221
FURTI CON SCASSO - Fermati tre rapinatori. E i valichi secondari?
FURTI CON SCASSO - Fermati tre rapinatori. E i valichi secondari?
- Annuncio Promozionale -

Il comunicato

In relazione all’inchiesta su una serie di furti con scasso avvenuta tra gennaio e l’autunno del 2019 nelle abitazioni del Malcantone, il Ministero pubblico e la Polizia cantonale comunicano che sono stati arrestati un 29enne, un 31enne e un 38enne, cittadini albanesi residenti in Italia, tutti con precedenti specifici alle spalle. L’attività d’indagine messa in atto dalla Polizia cantonale aveva permesso dapprima di identificare i membri della banda e quindi – a seguito anche degli ordini d’arresto internazionali emanati dalla Magistratura ticinese – di assicurali alla giustizia.

Il loro fermo è scattato tra la fine di ottobre e l’inizio del mese di dicembre 2019 in Italia rispettivamente in Ungheria. I tre sono nel frattempo stati estradati e si trovano ora in stato di detenzione in Ticino. Le ipotesi di reato a loro carico sono quelle di furto aggravato, poiché commesso in banda e per mestiere, ripetuto danneggiamento, ripetuta violazione di domicilio e violazione del bando. L’inchiesta è coordinata dalla Procuratrice pubblica Pamela Pedretti.

- Annuncio Promozionale -

Probabilmente sono entrati tranquillamente dai valichi aperti

Questo è, pari pari, il comunicato della Polizia. Furti con scasso: dunque, rischio che qualcuno si possa far male. Eseguiti, se le indagini non sbagliano, da un terzetto di albanesi residenti in Italia, che sono presumibilmente entrati e usciti a piacimento dalle frontiere ticinesi sempre aperte, nonostante le grida di allarme di sindaci e politici su una chiusura, che Berna non ritiene necessario.

Ovviamente non sarà questo episodio a far cambiare idea sotto la cupola di Palazzo, ormai purtroppo ce ne siamo fatti una ragione. Certo, sono tutti motivi per votare in modo ancor più deciso contro la libera circolazione delle persone, per proteggere non solo il mercato del lavoro ticinese bensì l’intera società

Nessuno ascolta le necessità

A più riprese, la politica ticinese, Pantani in primis, ha chiesto la chiusura dei valichi soprattutto secondari, quanto meno di notte. Richieste cadute inascoltate, anzi il problema non è mai stato visto come tale. A fronte di notizie come queste, probabilmente se ne riparlerà, qualcuno tornerà sulla necessità che è oggettiva ma di cui fuori dal Ticino non pare interessare.

Quanto meno, questi tre sono stati presi.

Laura Valdene – Redazione TIResidenti

#furticonscasso  #residentiticino #chiusuravalichi #liberacircolazione  #inmanette #TIResidenti #TicinoResidenti

Foto: fonte google

Sei residente in Canton Ticino? Metti “mi piace” alla nostra pagina Facebook TIResidenti e iscriviti gratuitamente nel gruppo TIResidenti; siamo la tua voce, questa è casa tua.

- Annuncio Promozionale -