GOBBI: “La situazione rimane seria. Le misure sono dunque prolungate fino al 18 dicembre”

0
1516
GOBBI:
GOBBI: "La situazione rimane seria. Le misure sono dunque prolungate fino al 18 dicembre"
- Annuncio Promozionale -

Consiglio di Stato

Nell’infopoint di oggi  organizzato dal Governo per un aggiornamento sulle misure in vigore in scadenza, il Consiglio di Stato ha sostanzialmente deciso per il loro mantenimento, inalterate, fino al 18 dicembre, in attesa che il 16 dicembre il Consiglio federale decida su eventuali nuovi provvedimenti in vista del periodo natalizio.

- Annuncio Promozionale -

Conferenza stampa

Norman Gobbi: “Il confinamento ha presentato un rischio accresciuto della violenza domestica per molte donne anche nel nostro Cantone. Il rispetto reciproco è un elemento centrale per la nostra cultura, nel rispetto dei valori fondamentali senza differenze di genere. C’è un rallentamento dei casi positivi, ma non delle ospedalizzazioni o dei decessi. La situazione rimane seria. Le misure sono dunque prolungate fino al 18 dicembre, e rimangono dunque più severe rispetto a quelle della Confederazione. Anche l’annuncio della sperimentazione dei vaccini va colto con il dovuto equilibrio.

Gobbi: “Come sulla traversata Tamaro-Lema, è quando l’arrivo sembra prossimo che si fa più fatica, quindi dobbiamo continuare a resistere. Abbiamo adottato le misure necessarie difendendo il sistema sanitario. Grazie a questo stiamo evitando un secondo lockdown. Dobbiamo quindi continuare passo dopo passo e con la collaborazione di tutti. Il Natale sarà diverso rispetto agli altri anni.”

Gobbi: “Per il black friday, la grande distribuzione ci ha garantito che le promozioni non si svolgeranno in un solo giorno e saranno soprattutto online. Vi invitiamo quindi a sostenere i commerci ticinesi rispettando le direttive e le norme igieniche, sia clienti che commercianti. Anche le forze di Polizia si stanno coordinando in merito. Oggi è stata ratificata l’ordinanza federale con le misure per i casi di rigore. Il Cantone provvederà ad aiuti ponte per le realtà che ne abbisognano perché non rientrano precisamente nelle disposizioni decise dalla Confederazione.”

Raffaele De Rosa: “Sottolineo anch’io l’importanza di mantenere tanta presenza in questa fase di assestamenti dei numeri. Proprio ieri è stato comunicato il tasso di distribuzione del virus a livello federale. È chiaro che il Ticino avendo misure meno incisive rispetto ad altri cantoni, avrà bisogno di più tempo per tornare alla normalità. Il rinnovo di queste è la conferma del nostro giudizio. Tuttavia le ospedalizzazioni restano alte, tuttavia lunedì i pazienti erano ben 382, una ventina meno rispetto al valore record raggiunto in primavera di 405. Anche il numero di decessi giornaliero resta importante, ma continuiamo a seguire l’evoluzione da vicino e con la massima attenzione.”

De Rosa: “Definiti nuovi termini in particolare nello scambio di pazienti tra strutture. Alla clinica Moncucco, per aumentare la capienza è stato richiesto il supporto dell’Ars Medica e della Clinica Sant’Anna oltre che della Santa Chiara di Locarno, che resta anche a disposizione per la presa a carico fino a 30 pazienti. Questo aumenta la capacità di presa a carico, senza sospendere l’attività medica non urgente. È presto dire come vivremo le festività, sappiamo però che sarà un Natale diverso. Durante l’avvento, che in passato era un momento di raccoglimento, forse un po’ di silenzio fuori non può che farci bene, anche se capiamo le preoccupazioni di chi tenta di far quadrare le finanze famigliari e aziendali. È importante tornare al piccolo, al locale, e ai commercianti che rimangono alla dimensione Ticino, sostenendo anche l’ambiente.”

DOMANDE GIORNALISTI

Quindi la situazione non muta, non ci sono misure ulteriori?

De Rosa: “Sì, abbiamo deciso la proroga e allo stesso tempo il potenziamento del sistema ospedaliero (da 600 a 630 letti) con il potenziamento della Clinica Moncucco”.

Quanto detto sul blackfriday è una risposta ai sindacati che avevano chiesto di annullare la promozione e non aveva ancora ricevuto risposta?

Gobbi: “La risposta è stata decisa oggi, cercando di avallare il commercio ma comprendendo che la situazione non può essere paragonabile agli scorsi anni. Queste promozioni ora sono ‘spalmate’ su più giorni con più enfasi sull’online. Se si dovessero riscontrare delle mancanze siamo disposti a rivedere altre decisioni, in particolare pensando alle aperture domenicali, perché i comportamenti hanno conseguenze anche se applicati dalle attività economiche”.

Le misure sono state estese fino al 18, possiamo sperare di fare il cenone almeno in 10, come da disposizioni federali?

Gobbi: “Abbiamo deciso di prorogarle fino al 18 perché mercoledì 16 il Consiglio federale dovrebbe decidere le misure sul periodo natalizio. L’obiettivo è, se la situazione dovesse migliorare, che ci si possa allineare ad eventuali disposizioni meno strette a livello federale”.

FINE CONFERENZA STAMPA

Sostenete le aziende residenti, acquistate nel nostro NEGOZIO SOLIDALE per soli residenti in Ticino. Leggete le recensioni dei nostri clienti!

BOX RISPARMIO TIResidenti

… e tanti altri articoli disponibili nello SHOP

Stefano Introzzi – Redazione TIResidenti

Fonte foto : Google

#TIResidenti #ticinesi #gruppotiresidenti #gobbi #misure #ticinoresidenti #stefanointrozzi  #covid-19 

Sei residente in Canton Ticino? Metti “mi piace” alla nostra pagina Facebook TIResidenti e iscriviti gratuitamente nel gruppo TIResidenti ; siamo la tua voce, questa è casa tua.

- Annuncio Promozionale -