Kuster : nuova conferenza stampa da Berna sul coronavirus, “morto il primo bambino”

1
2254
Kuster : nuova conferenza stampa da Berna sul coronavirus,
Kuster : nuova conferenza stampa da Berna sul coronavirus, "morto il primo bambino"
- Annuncio Promozionale -

Conferenza stampa di oggi

Kuster: “32 nuovi casi confermati, per un totale di 30’228 dall’inizio della pandemia. Questo è il numero più alto di nuove infezioni da questa settimana. Per la prima volta, un bambino contagiato da Coronavirus, nel canton Argovia, è morto. Sono 43 i pazienti ancora ricoverati in terapia intensiva. Ad oggi ci sono 165 persone in isolamento, quasi 400 in quarantena. Il numero di decessi è salito a 1’655, due in più di ieri. Il tasso quindi è di 19 morti ogni 100’000 abitanti. Il virus è ancora lì, dobbiamo tenerlo a mente. Le regole di distanza sociale valgono ancora. È l’unico modo per proteggerci dalle infezioni ed è importante l’uso delle mascherine.”

Gattiker: “Il Consiglio federale ha deciso che dall’8 giugno tutte le domande di permessi di lavoro saranno riesaminate. Anche il ricongiungimento familiare dovrebbe essere nuovamente possibile. Il puro turismo commerciale rimane proibito. Dal 15 giugno, invece, si tornerà alla libertà di movimento illimitata da e verso i paesi vicini (ma non viene menzionato il caso Italia). Ciò significa anche che la Svizzera potrà essere sfruttata come via di transito. Cadrà anche il divieto di libera circolazione delle persone. E dal 6 luglio si dovrebbe essere in grado di viaggiare in tutta l’area Schengen. Ma ovviamente ciò richiede anche accordi internazionali. Fino al 15 giugno, restano valide le restrizioni all’ingresso e ci saranno ulteriori controlli“.

- Annuncio Promozionale -

Susanne Kuster, vicedirettrice dell’Ufficio federale di giustizia: “Sarebbe controproducente far decadere dal 19 di giugno le disposizioni per l’emergenza covid. Spetta comunque al parlamento decidere se e cosa modificare“.

Barbara Perriard, della Cancelleria federale: “Viene revocata la sospensione collettiva per iniziative e referendum. Presto sarà possibile ricominciare con le raccolte firme. Non avrebbe senso proseguire su questa linea visti gli allentamenti“.

DOMANDE GIORNALISTI

Riguardo il piccolo morto ad Argovia:

Kuster: “Sappiamo che i bambini si ammalano meno spesso e mostrano un decorso meno grave della malattia. Ecco perché prendiamo molto sul serio questo triste caso“.

Riguardo la salita del numero di contagi:

Kuster: “Vediamo spesso un aumento di casi alla fine della settimana. Non esiste una soglia fissa al di sopra della quale ci si dovrebbe preoccupare. Dobbiamo essere vigili e agire se riteniamo che i numeri stiano andando nella direzione sbagliata“.

Riguardo il numero relativamente alto di persone contagiate in Argovia (e alla possibile connessione con la morte del bambino):

Kuster: “Non so nulla riguardo a focolai o un’ondata crescente di contagi nel Canton Argovia. Pertanto non posso fornire risposte dettagliate al riguardo. In realtà ci sono cantoni che non hanno ancora segnalato numeri relativi alle persone in quarantena. Ma nella stragrande maggioranza dei casi in cui non vengono pubblicati casi, ciò significa che non hanno persone in quarantena”.

Riguardo il fronte Italia:

Gattiker: “Siamo in stretto contatto con le autorità italiane, ma non solo con l’Italia, anche con Francia e Germania. Spero che le cose si chiariranno nei prossimi giorni. Per il momento non ho novità in questo senso».

Riguardo le vacanze all’estero:

Gattiker: “Il Consiglio federale ha fissato la sua agenda. Presume che dal 6 luglio l’area Schengen sarà di nuovo aperta. Certo, questo dovrà essere discusso a livello internazionale. Si prevede un ritorno alla normalità. Ma è molto complesso, c’è ‘un patchwork di soluzioni’ al vaglio”.

Riguardo la provenienza del bimbo morto (Sembra che si sia ammalato in Macedonia):

Kuster: “Sono in corso accertamenti. Al momento è chiaro solo che è morto nel Canton Argovia“.

Visitate il nostro NEGOZIO SOLIDALE per soli residenti in Ticino

Laura Valdene – Redazione TIResidenti

Fonte foto : Google

#TIResidenti #ticinesi #gruppotiresidenti #coronavirus #conigliofederale #ticinoresidenti #lauravaldene #ripartenza #fase2 #riapertura

Foto: fonte Google

Sei residente in Canton Ticino? Metti “mi piace” alla nostra pagina Facebook TIResidenti e iscriviti gratuitamente nel gruppo TIResidenti ; siamo la tua voce, questa è casa tua.

- Annuncio Promozionale -