TEST DI MASSA: piano approvato dal Governo, ecco la strategia del Cantone.

0
1880
test di massa - conferenza stampa consiglio di stato del 26.03.2021
test di massa - conferenza stampa consiglio di stato del 26.03.2021
- Annuncio Promozionale -

Conferenza stampa

Il piano cantonale per i test di massa è stato approvato dal Consiglio di Stato che durante la conferenza stampa in corso presenta la strategia del Cantone. Ricordiamo che dal 15 marzo i test rapidi effettuati nelle strutture riconosciute, anche per le persone asintomatiche, sono ora gratuiti.

Raffaele De Rosa: “L’obiettivo è aumentare la strategia di test nelle persone asintomatiche interrompendo così le catene di contagio. I numeri sono in aumento, dopo alcune settimane di contagi stabili nel mese di marzo i numeri hanno iniziato a salire, questa settimana abbiamo avuto due giorni con ben oltre 100 casi. Cautela e prudenza hanno indotto il Consiglio federale a rinviare le aperture. La situazione e fragile e per questo è necessario continuare a rispettare le misure. La fatica pandemica si fa sentire e per questo esprimo comprensione verso la popolazione. La campagna vaccinale ci fa guardare il futuro con più speranza, la Confederazione ha dato ieri i numeri su ulteriori dosi che dovrebbero anticipare addirittura i tempi. I test di massa sono una misura efficace se pensati per determinati gruppi di persone. Con questo piano si vuole quindi rafforzare il pilastro del testare, la strategia cantonale è stata approvata mercoledì.”

- Annuncio Promozionale -

De Rosa: Questo è uno strumento in più. In caso di sintomi lievi una persona deve sottoporsi al test, proprio ieri è ricorso il primo anno dall’apertura dei Check-point. Il tassello più recente è quello per le persone senza sintomi. Ci sono due categorie di test, quelli individuali o quelli collettivi ovvero quelli di massa che sono oggetto del piano cantonale. Gli obiettivi sono diversi, il primo è quello di ridurre la diffusione del virus, selezionare chiaramente i gruppi con evidenza di rischio superiore di diffusione del virus, definire le condizioni per beneficiare della copertura finanziare di Berna e chiarire l’organizzazione per attuare i test ripetuti. Non da ultimo, assicurare la continuità nel tempo e monitorare l’efficacia dei test.”

De Rosa: Ci sono vari criteri di alto basso rischio per effettuare i test nelle aziende. Tra questi il tipo di attività, la mobilità, gli elevati contatti, luogo di lavoro o l’impossibilità di svolgere il telelavoro. Suddivise le aziende è importante interrogarsi sui criteri di inclusione o esclusione per beneficiare del rimborso dei test. Per quanto riguarda i criteri:

De Rosa: Sono state fatte delle valutazioni, sulla base delle disponibilità del materiale e delle capacità dei laboratori e della necessità di garantire l’operatività in caso di ripresa dei contagi si è deciso di ricorrere ai test antigenici rapidi da eseguire direttamente sul luogo di lavoro. L’azienda dovrà avere un operatore sanitario qualificato per l’acquisto, il prelievo, l’esecuzione dei test, la comunicazione dei risultati e la gestione dei casi positivi. Ci sarà la valutazione da parte dell’azienda se partecipare o meno. Entro Pasqua ci sarà un sondaggio per capire l’interesse delle aziende, sarà capire quante aziende vogliono partecipare. Entro metà aprile sarà possibile di annunciarsi online da parte delle aziende

Manuele Bertoli: A scuola non ci saranno grandi cambiamenti se non per le scuole con convitto perché in queste situazioni la vicinanza tra gli allievi, il tempo cambia in maniera sostanziale. La situazione delle scuole ordinarie funziona bene dal 31 agosto siamo soddisfatti di come le cose stanno andando, sono mesi che l’anno scolastico continua senza problemi, questo anche dopo le mutazioni del virus che hanno modificato le regole per le quarantene rendendole più difficili. Oggi basta un caso per mandare in quarantena una classe. Su quasi 3mila classi in Ticino ne abbiamo 12 in quarantena, siamo a meno dello 0,5%. Anche quando ci sono state indagini mirate la situazione è apparsa subito assolutamente gestibile.”

Bertoli: “Stiamo modificando il sistema di gestione delle quarantene. Questo tenuto conto della disponibilità dei test rapidi. L’idea è che qualora si verificasse un caso positivo si farà intervenire subito il gruppo della federazione ticinese dei servizi autoambulanza per fare dei test rapidi in modo da vedere se ci sono dei casi positivi da confermare con un PCR o rimandare a scuola tutti i casi negativi. Questo velocizzerà e renderà più semplice la procedura. Per le scuole con convitto invece vale l’idea di proporre questi test di massa ripetuti e io credo che alla fine con questa strategia che muta di poco quello che abbiamo fatto fino adesso, ci porterà alla fine dell’anno scolastico senza problemi. Sappiamo che nelle scuole c’è stanchezza.”

Christian Vitta: Un anno fa come oggi eravamo nel pieno della prima ondata. Oggi ad un anno di distanza stiamo affrontando quella che molti definiscono la terza ondata. Il contesto è cambiato, nel frattempo abbiamo imparato a convivere con questo virus e conosciamo anche le regole basilari per affrontare queste situazioni. I comportamenti che da un anno caratterizzano il nostro agire quotidiano interessano la nostra attività professionale, e proprio in questo ambito abbiamo deciso di annunciare delle modifiche. Le aziende ticinesi che lo desiderano hanno la possibilità di inserire i test rapidi settimanali per i collaboratori ottenendo anche una copertura finanziaria. La strategia cantonale sarà messa in atto grazie alla collaborazione con le associazioni economiche. Questo nuovo strumento aggiuntivo dei test di massa è utile per la prevenzione ma non si sostituisce ai piani di protezione aziendali e non deve nemmeno rappresentare una falsa sicurezza. Noi ticinesi abbiamo saputo reagire in maniera esemplare all’arrivo repentino di questo virus, abbiamo superato tutti uniti la prima ondata, insieme abbiamo affrontato la seconda e oggi a un anno stiamo affrontato la terza ondata e speriamo ultima.”

INTEGRATORI NATURALI TIResidenti

… e tanti altri articoli disponibili nello SHOP

Stefano Introzzi – Redazione TIResidenti

Fonte foto : Google

#TIResidenti #testdimassa #gruppotiresidenti #vaccino #governo #ticinoresidenti #stefanointrozzi  #covid-19 

Sei residente in Canton Ticino? Metti “mi piace” alla nostra pagina Facebook TIResidenti e iscriviti gratuitamente nel gruppo TIResidenti ; siamo la tua voce, questa è casa tua.

- Annuncio Promozionale -